• maggio

    31

    2018
  • 669
Come sono fatti i tappeti e con quali materiali? E il lavaggio cambia a seconda del tappeto?

Come sono fatti i tappeti e con quali materiali? E il lavaggio cambia a seconda del tappeto?

Sono diversi i materiali con cui sono realizzati i tappeti presenti nelle nostre case.
Il valore di un tappeto è dato per prima cosa dalla manodopera e dalla tecnica di realizzazione, e poi anche dal materiale con cui è costruito.

Le diverse modalità per fare un tappeto

Trai modi con cui vengono realizzati i tappeti che abbiamo nelle nostre case, vogliamo ricordare i tre principali.

Tappeti annodati a mano

I tappeti annodati a mano, rappresentano la storia del tappeto. I primi tappeti annodati a mano venivano realizzati su telai già diversi secoli prima di Cristo, ed hanno un origine orientale. I tappeti annodati a mano sono legati all’invenzione del telaio, che a sua volta si divide in talai orizzontali e telai verticali. Sul telaio viene fissato l’ordito, al quale vengono poi fissati i nodi con diverse tecniche di annodatura e d infine,  per dare una consistenza a questi nodi e fissarli in modo definitivo, vengono passati dei fili orizzontali chiamati trama. In questi tappeti le frange non sono altro che la continuazione dell’ordito del tappeto.
Questi tappeti chiaramente sono i più pregiati.

Tappeti “taftati”

Realizzati partendo da una base di tessuto (ordito e trama oppure rete) in cui vengono fissati i ciuffetti di fibra. La maggiore differenza dai tappeti annodati a mano è che il vello (la parte che calpestiamo in un tappeto) non è fissato con un nodo, ma fissato con delle colle.
Questi tappeti si riconoscono anche dal retro che spesso viene ricoperto con un tessuto che serve per coprire l’incollatura.

Tappeti Meccanici o Nazionali

I tappeti realizzati con telai meccanici, spesso chiamati anche tappeti nazionali, sono la maggior parte dei tappeti moderni, dai tappeti firmati dalle case di moda più famose, fino ai tappeti che è possibile acquistare nei centri commerciali, come ad esempio i tappeti che si utilizzano nelle camerette dei bambini.

I materiali con cui sono fatti i tappeti

Per i materiali invece abbiamo diverse combinazioni e per ognuna di queste è necessario un lavaggio corretto, proprio per preservare il tappeto e riconsegnarlo perfettamente pulito ai nostri clienti.

Tappeti in lana

È sicuramente la fibra più pregiata, soffice e calda, combina le caratteristiche di naturalezza e resistenza. Si tratta, inoltre, del materiale che meglio resiste al fuoco e all’umidità. Le ultime tendenze vedono la lana al primo posto per la realizzazione di tappeti lavorati a “tricot” e per l’arredo di lusso. Ma oltre al modo in cui viene creato il tappeto, si deve scegliere anche lo spessore della lana: da raso a spesso, fino ad alcuni particolari modelli, alti e soffici, nei quali affondare i propri piedi (o perché no, il proprio corpo).

Tappeti in seta

Fu adoperata per i tappeti a uso della corte persiana e caratterizza i pezzi di maggiore finezza e qualità. I disegni e i ricami richiamano la raffinatissima arte del tempo. I tappeti persiani antichi sono difficili da riconoscere per via di tutte le copie che sono state realizzate nel corso dei decenni, ma una buona indicazione per capirne la provenienza è conoscere le tessiture. Il tappeto in cotone veniva realizzato in Iran, Pakistan, in Cina e in India; quello in lana proveniva da Afghanistan, Caucaso, Asia Centrale e Turchia; la seta era impiegata per certi pezzi di grande pregio realizzati nei più importanti centri dell’Iran, della Turchia, della Cina e dell’India. Ma per togliersi ogni dubbio, il consiglio migliore è di passare attraverso i canali di vendita certificati.

Tappeti in cotone, canapa e iuta, sisal e cocco

Le fibre sono realizzate a partire dalla lavorazione di erbe, foglie o cellulosa: sisal, fibra di riso, juta, abaca, giunto e cocco. Il sisal, ad esempio, è un materiale ottenuto dalla pianta di agave, un po’ rigido e non resistente all’umidità, mentre la fibra di riso è abbastanza morbida ma non ama essere colorata, per questo si può trovare solo in nuance sabbia. Il cocco è molto resistente e viene utilizzato per intrecci da interni ad alta frequentazione, anche se è famoso soprattutto come zerbino.

Tappeti in acrilico e polipropilene

Sono i materiali più utilizzati, economici e resistenti, oltre ad avere caratteristiche simili alla lana, di sofficità e morbidezza. I tappeti sono riciclabili e facili da pulire. Importante avere un occhio all’etichetta: non devono avere percentuali di gomme o materiali chimici e la colorazione deve essere atossica.

Tipi di lavaggio a seconda dei tappeti

Ogni tipo di tappeto richiede la sua tecnica di lavaggio, e le sue diverse attenzioni in ogni fase, dall’eliminazione della polvere con tecniche manuali e meccaniche, al lavaggio, fino alla asciugatura.

Il nostro centro di lavaggio, il più grande di Milano e provincia, effettua il lavaggio di qualsiasi tipo di tappeto.
Effettuiamo anche tutti gli interventi di riparazione per ogni tipologia di tappeti, dai tappeti antichi fino ai tappeti moderni.

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI
Copyright© – 2017 Tehran Lavaggio S.a.s Iscr.CCIAA Milano N.1397027 C.F. e P.IVA 10694320150 Sede legale Via Tito Livio,20 20137 Milano. Tutti i diritti sono riservati.

Privacy Policy